1/16

CINEMA
D'AUTORE



I CONSIGLIATI DI SETTEMBRE 

1/8

FIGHT CLUB

David Fincher, 1999

Fight Club è un film del 1999 diretto da David Fincher, basato sull'omonimo romanzo di Chuck Palahniuk.

È stato sceneggiato da Jim Uhls e prodotto da Art Linson e Arnon Milchan.

Il film, che offre una visione altamente critica del consumismo e dell'alienazione dell'uomo moderno,

è stato inserito nel 2008 al decimo posto nella classifica Lista dei 500 migliori film della storia secondo Empire.

Il protagonista è un uomo il cui vero nome non è mai pronunciato. Lavora come consulente nel ramo assicurativo di un'importante casa automobilistica. Si tratta dello stereotipo dello yuppie frustrato dalla vita moderna: schiavo del consumismodepressoinsonneansioso e stordito dal jet lag. L'uomo trova un'apparente cura ai suoi problemi solo cominciando a frequentare gruppi d'ascolto per persone affette da mali incurabili; in questo modo incontra anche Marla Singer, una ragazza che come lui finge di avere gravi malattie.

1/10

MYSTIC RIVER

Clint Eastwood, 2003

Boston, 1975. Tre ragazzini, Sean, Jimmy e Dave giocano a hockey in-line per strada, poi si mettono a scrivere i loro nomi nel cemento fresco di un marciapiede. La loro vita cambia per sempre quando una macchina si avvicina a loro e un uomo, apparentemente poliziotto, li sgrida per la loro condotta, intimando a Dave di salire in macchina (in cui è presente sul sedile anteriore, un "apparente" sacerdote) così da riaccompagnarlo a casa. Dave sparirà per quattro lunghissimi giorni; nessuno, a parte lui, sa veramente cosa gli è successo.

1/14

NEBRASKA

 Alexander Payne, 2013

Woody Grant è un vecchio padre di famiglia alcolizzato che crede di aver vinto un milione di dollari grazie ad un concorso della Mega Sweepstakes Marketing. Decide così di mettersi in viaggio, dal Montana al Nebraska, a piedi. Suo figlio David, dopo vari tentativi di dissuaderlo, decide di accompagnarlo in macchina, lasciandogli credere che il cospicuo premio sia reale. Sua moglie Kate è contraria al viaggio, ma accetterà di venire nella cittadina in cui viveva prima dove il marito e il figlio hanno fatto sosta prima di raggiungere la città di Lincoln. Per l'occasione ci sarà una rimpatriata di famiglia. Dopo che la falsa notizia della vincita si è diffusa, i vecchi amici e alcuni parenti inizieranno a pretendere dei soldi da Woody, ma quando scopriranno che la vincita è fasulla lasceranno perdere. Arrivato a Lincoln, Woody chiede di riscattare il premio ma verrà confermato che non è lui il vincitore, e quindi tornerà a casa con David, che gli compra un furgone nuovo (come il padre desiderava). Dopo il viaggio il rapporto tra il padre e il figlio è notevolmente rafforzato.

1/12

SEVEN 

David Fincher, 1995

Il detective William Somerset è un saggio e anziano poliziotto, disilluso ed esasperato dal tasso di violenza e degradazione sempre più in crescita nella città in cui vive. Somerset, a cui manca una settimana per andare in pensione, viene affiancato dal giovane impulsivo e istintivo David Mills, destinato a sostituirlo. Tra i due, per le differenze profonde di carattere, all'inizio non corre buon sangue. Quando i due detective sono chiamati sulla scena di un efferato delitto, che ha come vittima un uomo obeso che è stato costretto a mangiare oltre misura fino alla morte, Somerset dalle caratteristiche del delitto intuisce di trovarsi di fronte a un caso fuori dall'ordinario e vorrebbe rinunciare ad occuparsene.

1/13

BLOW UP

Michelangelo Antonioni,  1966

Thomas, uno scontroso fotografo londinese di moda, sta realizzando un libro fotografico avente come soggetti persone disagiate dei quartieri londinesi, giovani hippy o clochard che dormono in ospizio. Arriva persino a passare una notte in dormitorio, pur di avere immagini crude e drammatiche, e la mattina successiva sostiene un impegno fotografico in studio con una modella.

Thomas non è però completamente soddisfatto: ha un buon lavoro e molto tempo libero, gira per Londra con una Rolls Royce decappottabile e non ha certo problemi con le donne, ma nonostante ciò l'insoddisfazione si insinua nella sua vita. La prova si ha quando è a pranzo con l'amico Ron nel ristorante El Blason di Chelsea. All'improvviso Thomas esclama: "Non ne posso più di Londra questa settimana!". Alla richiesta di chiarimenti da parte di Ron, Thomas replica: "Perché non fa niente per me...".

1/11

CLERKS

Kevin Smith, 1994

Dante Hicks (Brian O'Halloran), invece di godersi la sua giornata libera viene richiamato al lavoro per coprire un turno presso la Quick Stop Groceries di Leonardo, nel New Jersey. Inizia così la sua surreale giornata. Appena arriva al negozio scopre che qualcuno ha bloccato i lucchetti delle serrande con la gomma da masticare e, per non far sembrare l’alimentari chiuso, appende un cartello su cui scrive con il lucido da scarpe: “Ti assicuro, siamo aperti!”. Poco dopo giunge il suo migliore amico, Randal Graves (Jeff Anderson), che con tutta calma inizia la sua giornata lavorativa nel videonoleggio a fianco del Quick Stop.